giovedì 25 febbraio 2016

Lasagne 
con crema di broccolo romanesco 
al profumo di curcuma
anacardi tostati e besciamella


Febbraio. Per quanto bisestile si è volatilizzato. I giorni si sono rincorsi veloci e io dietro a cercare di fermali e riempirli di cose da fare come il cassetto dei calzini...
Ci sono novità all'orizzonte di cui spero di potervi raccontare molto presto che hanno contribuito a questo marasma organizzativo... comunque, l'apice l'ho raggiunto ieri quando sono andata alle 8 del mattino in un supermercato cinese a cercare uno spruzzino per l'acqua - quello per bagnare le piante per intenderci - su indicazione del veterinario che ha appena operato alla coda Biscotto (il mio cane) e il tipo in cassa mi ha fatto pagare mentre, giuro, si stava facendo la barba: ho pensato che per ottimizzare il tempo in questo modo di sicuro fosse più indaffarato di me...
Oggi vi lascio la ricetta per delle lasagne vegetariane di stagione, con broccolo romanesco e quel profumo di curcuma che si sposa benissimo con la besciamella.
A settimana prossima!
E

Ingredienti (per 4 persone):
- 8/10 fogli di pasta fresca all'uovo per lasagne;
- besciamella (50 g di burro, 50 g farina, un pizzico di sale, 700 ml di latte)
- 1 broccolo romanesco;
- 3 pugni di anacardi;
- curcuma;
- 1 noce di burro;
- sale q.b.

Preparate la besciamella: mettete a scaldare il latte; in un altro tegamino fate sciogliere il burro e poi, mescolando, aggiungete la farina; unite, a poco a poco il latte (caldo), senza mai smettere di girare; salate e aspettate che la salsa si addensi, prestando molta attenzione a che non si formino grumi.
Tostate per circa 3 minuti gli anacardi nel forno caldo (180/200°C); pulite il broccolo romanesco e lessatelo in acqua salata per circa 10/15 minuti; scolatelo e frullatelo con un pizzico di curcuma e una noce di burro; assaggiate e regolate di sale.
In una teglia da forno costruite le lasagne alternando uno strato di pasta (sbollentata in una padella con acqua bollente salata per pochi secondi), la crema di cbroccolo, gli anacardi tostati e la besciamella. Finite ricoprendo l'ultimo strato di pasta con la besciamella avanzata e una spolverata di parmigiano.
Cuocete nel forno a 200°C per 15/20 minuti; estraete la teglia e lasciate intiepidire le lasagne.







martedì 16 febbraio 2016

Minicakes di carote e mandorle


Oggi vi lascio la ricetta per fare queste minicakes di carote e mandorle e qualche bella parola di James Tipton.
Buona settimana a tutti!
E

"Sono nato con la bocca aperta...
facendo il mio ingresso in questo mondo succoso
di pesche e limoni e sole maturo
e nella rosea e segreta carne di donna,
questo mondo in cui la cena è
nel respiro del deserto sottile
nelle spezie del mare distante
che galleggiano nel sonno a notte fonda.

Sono nato a un punto impreciso tra
il cervello e la melagrana
assaporando consistenze deliziose
di capelli e mani e occhi,
sono nato dallo stufato del cuore 
dal talamo infinito, per camminare
su questa terra infinita.

Voglio nutrirti dei fiori di ghiaccio
su questa finestra d’inverno,
gli aromi di molte zuppe,
il profumo di candele sacre
che in questa casa di cedro mi insegue
Voglio nutrirti della lavanda
che si sprigiona da certe poesie,
e della cannella delle mele che cuociono,
e della gioia semplice che vediamo
nel cielo quando ci innamoriamo.

Voglio nutrirti della terra acre
dove ho mietuto l’ aglio,
voglio nutrirti di ricordi
che si levano dai ciocchi dei pioppi
quando li spacco
e del fumo di pigne
che circondano la casa in una notte quieta, 
e i crisantemi posati sulla soglia della cucina."

(frammento, 1995)


Ingredienti (per circa 8 pirottini):

- 300 g di carote;
- due pugni di mandorle (non pelate);
- 2 uova;
- 60 ml olio evo/80 ml olio di semi;
- 100 g zucchero;
- una bustina scarsa di lievito sciolto in mezzo bicchiere di latte;
- 200 g farina;
- scorza grattugiata di un limone;
- 1 pizzico di sale.

Frullate le carote con le mandorle; in una terrina aggiungete, mescolando, un pizzico di sale, la scorza del limone, lo zucchero, l'olio, le uova ad una ad una, il lievito sciolto nel latte e, in ultimo, la farina setacciata.
Imburrate e infarinate i pirottini e cuocete le minicakes nel forno ventilato a 175 °C per circa 30 minuti.
Quando saranno cotte (lo stuzzicadenti ne deve venire fuori asciutto) estraetele dal forno e lasciatele raffreddare completamente.



martedì 9 febbraio 2016

Crostini con gambi di carciofo saltati, 
pinoli e pecorino al pepe nero
(il Nonno e la Nonna)

Come mia nonna teneva a specificare non appena ne aveva l'occasione, mio nonno era quello che si potrebbe definire un rigoroso collezionista, che conservava scrupolosamente qualsiasi cosa riteneva potesse tornargli utile, mentre Lei seguiva la religione del ciò che non si usa, si butta. 
Erano due sistemi entrambi sostenibili, in quanto mio nonno era di una "precisione maniacale" (cit. nonna) e mia nonna di un disordine allucinante a fronte, però, "della velocità di esecuzione" (cit. nonna). 
Questi due ossimorici comportamenti mi hanno fortemente influenzato. Sapevo benissimo che se avessi lasciato un disegno fuori dalla porta dello studio del nonno, questo in poco tempo sarebbe stato cestinato, invece che essere riposto nella mia cartelletta personale tra i documenti. D'altra parte, la nonna riusciva a far stare nel tempo della colazione del nonno: la spesa (che comprendeva anche un giornalino per me), una partita ad 'asso piglia tutto' e la farcitura del rotolo di carne per il pranzo.
Il mio modo di cucinare è sicuramente più vicino allo spirito spiccio della nonna, anche se dal nonno ho imparato a non buttare via nulla di ciò che potrebbe tornarmi utile, per questo la ricetta di oggi è per preparare dei velocissimi (nonna) crostini, conditi con gambi di carciofi avanzati (nonno), pinoli e pecorino al pepe nero.

Ingredienti:
- fette di pane casereccio;
- gambi di carciofi;
- pinoli;
- 1 spicchio d'aglio;
- pecorino al pepe nero;
- olio evo;
- sale q.b.

Lavate i gambi del carciofo, rimuovete le estremità e tagliateli a dadini. 
In una padella scaldate un goccio d'olio, aggiungete l'aglio schiacciato, i pinoli e i carciofi; salate e saltate per qualche minuto finché i carciofi non saranno abbastanza teneri e rosolati.
Tostate i crostini, aggiungete il sughetto di carciofi e pinoli e qualche fettina sottile di pecorino.



martedì 2 febbraio 2016

Vellutata di topinambur con cuore di bitto,
noci tostate e prezzemolo

E voilà, anche gennaio è andato.
Il freddo e la neve quest'anno non sono neanche passati da Milano, in compenso ieri e oggi la nebbia ci avvolge ben bene.
Oggi vi voglio proporre una ricetta per un piatto vegetariano con un ingrediente un po' "modaiolo" il topinambur (o rapa tedesca) che ormai si trova anche al supermercato e per il quale ho una vera e proprio passione.
La prima volta che l'ho assaggiato è stato cucinato dallo Chef Gianni Tarabini e lì è nato il mio amore per questo tubero, che ben si presta a molte preparazioni, dalla consistenza della patata e dal sapore unico (forse vagamente simile a quello del carciofo...infatti è conosciuto anche come "carciofo di Gerusalemme").
Poi c'è un altro ingrediente fantastico (e un po' costoso): il bitto della Valtellina. Io l'ho fuso in padella per avere il formaggio più forte di gusto e di consistenza rispetto alla crema, ma si può anche farlo sciogliere in un pentolino, con un goccio di latte o di panna e poi versarlo nel centro ;)
A dare la croccantezza ci sono le noci tostate nel forno e a lasciare un gusto di fresco ci sono le foglie di prezzemolo, spero vi conquisti!
E

p.s.: canzoni della settimana "The magic position" di Patrick Walf e "Cara" di Lucio Dalla.

Ingredienti (per 4 persone):
- 400 g di topinambur;
- 2 patate di media grandezza;
- 1 fetta di bitto;
- 1/2 cipolla bionda;
- acqua;
- pepe nero;
- sale;
- 8 noci;
- 1 ciuffo di prezzemolo.

Pelate la mezza cipolla e, una volta tagliata fine, mettetela a soffriggere con un goccio d'olio in una casseruola.
Pelate il topinambur e le patate, tagliateli a tocchetti e poneteli nella casseruola con la cipolla. Coprite il tutto con acqua/brodo vegetale, salate e lasciate cuocere per una ventina di minuti.
Quando le patate e il topinambur saranno morbidi (saggiatene la consistenza con una forchetta), togliete la casseruola dal fuoco e frullate il tutto con il minipimer. Aggiustate di sale e di pepe.
Tostate le noci per 5 minuti nel forno ben caldo. 
Scaldate una padella antiaderente e scottate da entrambi i lati un quadratino di bitto.
Servite la vellutata ben calda, ponete nel centro il formaggio, decorate con le noci, le foglie di prezzemolo e finite con un pizzico di pepe e un filo d'olio.