venerdì 23 gennaio 2015

Crostata di Mondrian*


Ecco qua!
Dopo che questo quadro era stato riprodotto su abiti e su palazzi, mancavo solo io con una crostata :D
E

Ingredienti (per un quadrato da 30x30 cm):
- 250 g di farina;
- 100 g di zucchero;
- 1 pizzico di sale;
- 120 g di burro;
- due uova;
- un cucchiaio raso di lievito per dolci;
- marmellata di mirtilli; 
- marmellata di fragole/lamponi; 
- marmellata di arance.

Preparate l'impasto della crostata e lasciatelo riposare almeno mezz'ora in frigo.
Stendete la pasta su una spianatoia ben infarinata, alta circa 5 mm, ritagliate un quadrato con l'aiuto di un righello o di un metro da sarta (dategli una sciacquata prima) e disponetelo, con l'aiuto del mattarello, su una teglia coperta da un foglio di carta da forno.
Lavorate sul quadrato come se fosse un foglio di carta, tracciando delicatamente con un coltello i confini dei rettangoli; disponete la marmellata, i due rettangoli di pasta e i bordi (leggermente più alto quello esterno, più sottile quello interno).
Cuocete nel forno a 180 °C per circa 30 minuti.


* Mondrian (Olanda, 1872–1944)
"The essence of Mondrian’s ideas is that painting, composed of the most fundamental aspects of line and colour, must set an example to the other arts for achieving a society in which art as such has no place but belongs instead to the total realization of ‘beauty’" (2009 Oxford University Press).



venerdì 16 gennaio 2015

Gnocchi di patate su crema di robiola e cavolo nero 
con cavolo nero e noci


  Finalmente posso raccontarvi la fine della storia della lepre che, arrivata su un camion dei lavori, soggiornò indenne a Milano per due settimane nella stanza della caldaia del palazzo dove lavoro.
  Insomma, è stata catturata, portata dal veterinario che l'ha trovata sana e in forma (ci credo, con tutto quello che le abbiamo portato da mangiare!), e poi liberata vicino a Bergamo. Un gran finale per una storia che sapeva delle favole di Beatrix Potter...
  Vi lascio una ricetta col cavolo nero, buonissimo, anche se non lo avevo mai usato prima!

Ingredienti: 
- gnocchi di patate;
- cavolo nero;
- formaggio robiola;
- noci;
- 1 spicchio d'aglio;
- olio evo;
- sale q.b.

In una padella soffriggete lo spicchio d'aglio (a cui avrete rimosso l' "anima") con un goccio d'olio, unitevi il cavolo (lavato e tagliato), salate e saltate per una decina di minuti.
Dividete in due il cavolo appena cotto, lasciando una parte per il condimento e l'altra per la crema con la robiola.
Frullatene, dunque, una parte, unite la robiola (in proporzione 1:1), un goccio d'olio, mescolate con un cucchiaio e aggiustate di sale.
Cuocete gli gnocchi, saltateli velocemente in padella con il cavolo rimasto e qualche noce e serviteli nel piatto su cui avrete già versato due o tre cucchiai di crema. Finite con un goccio d'olio a crudo.



sabato 10 gennaio 2015

Cheesecake ai mirtilli


Ogni tanto capita che si senta il bisogno di questa torta che scenograficamente fa sempre la sua figura! A me piace a merenda con una tazzona di tè...
Vi ricordate la versione mini della scorsa primavera? 
Qui, invece, riporto le dosi per una torta da 6, 8 persone, per una tortiera dal diametro  di 22 cm.
Domani vado sul "Pizzo Tamborello" (a breve una foto...), buon weekend!
E


Ingredienti:

Per la base:
- 150 g di biscotti tipo "Digestive";
- 30 g burro fuso;
- una spruzzata di cannella in polvere.

Per il "sopra":
- 200 g robiola;
- 160 g ricotta (va benissimo anche quella di capra, più saporita);
- 100 g zucchero;
- 2 uova;
- 70 g di panna fresca;
- 1 pezzettino di una stecca di vaniglia;
- la scorza di un limone grattugiata;
- una vaschetta di mirtilli. 

Sbriciolare finemente i biscotti con l'aiuto di una forchetta o del frullatore; aggiungere una spolverata di cannella e il burro fuso, amalgamare il tutto; disporre un foglio di carta da forno sul fondo della teglia (con il bordo rimovibile) e versarvi il composto, compattandolo con il dorso di un cucchiaio; lasciar riposare in frigorifero per mezz'ora.
Intanto, in una ciotola, unire la robiola, la ricotta, lo zucchero, la scorza di limone, l'uovo, il pezzettino di vaniglia tagliato nel mezzo e, in ultimo, la panna; dopo aver amalgamato la crema e tolto il pezzettino di vaniglia, rovesciare nello stampo e cuocere nel forno preriscaldato a 160° C per 55 minuti; lasciar raffreddare completamente nel forno aperto e poi spostare in frigorifero per almeno due ore. Decorare.



martedì 6 gennaio 2015

Timballo di pasta al sugo con pinoli

 

Non potevo non scrivervi una ricetta il giorno della Befana :D e, siccome qui a Milano oggi fa freddo, e a casa si accende il forno con piacere, ho deciso di preparare il timballo di tagliatelle come lo faceva la nonna con solo qualche piccola modifica...
E

Ingredienti (per 4 persone):
- 300 g di tagliatelle all'uovo;
- 300 g di sugo al pomodoro;
- 2 pugni di pinoli (tostati);
- 4 pugni di pangrattato;
- ricotta salata/parmigiano reggiano (una grattugiata/25 g);
- 1 spicchio d'aglio;
- 1 peperoncino;
- sale q.b.;
- olio evo.

Scaldare il sugo con un goccio d'olio, il peperoncino e uno spicchio d'aglio (vestito, schiacciato) e regolare di sale.
Cuocere le tagliatelle 2/3 del tempo di cottura, scolarle e condirle con il sugo (da cui avrete rimosso l'aglio e il peperoncino), aggiungere i pinoli tostati e grattugiare il pecorino/grana.
Ungere con l'olio una teglia da forno "con il buco", impanarne il fondo con il pangrattato (tostato in padella con un pizzico di sale), versarvi la pasta dal centro, livellandola con un cucchiaio, e cospargere con il pangrattato avanzato.
Cuocere nel forno a 200 °C per 20 minuti di cui gli ultimi 5 con il grill.
Estrarre la teglia dal forno e rovesciare il timballo su un piatto, finendo con un giro d'olio a crudo.