sabato 27 settembre 2014


Torta alla zucca e patate e gorgonzola


Qui a Milano le giornate sono particolarmente belle e domani ho in programma una gita sulla cima della “Grignetta”…oggi però i tecnici della linea per internet “giocano” ad aprire i buchi della casa cercando di far sbucare il cavo…ne avremo per le lunghe!
Buon weekend!
E

Ingredienti per la pasta:
- 200 g di farina;
- 4 cucchiai d’olio evo;
- un pizzico di sale;
- acqua tiepida.

Ingredienti per il ripieno:
- 3 patate;
- 300 g di zucca;
- gorgonzola;
- sale, pepe, olio evo.

Unire la farina, l’olio, il sale e, a poco, a poco,  circa due tazzine d’acqua. Lavorare l’impasto finché non è liscio e omogeneo.
  Sbollentare le patate venti minuti nell’acqua e cuocere la zucca al cartoccio (con un foglio di carta da forno insieme ad uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino) in forno per altrettanti venti minuti. Tagliare a dadini il gorgonzola, le patate e la zucca (dopo averle entrambe pelate) e condire il tutto con un pizzico di sale, pepe e un filo d’olio.
  Dividere la pasta in due, stenderla alta circa 2 mm e rivestire una pirofila (usate un foglio di carta da forno, così quando la torta sarà pronta sarà più facile spostarla); versarvi il ripieno, richiudere con il secondo foglio di pasta (“rincalzando” ai lati) e spennellare la superficie con un emulsione di acqua e olio. 
Infornate a 180 °C per circa 40 minuti.


mercoledì 24 settembre 2014

Zabaione

 

Lo Zabaione, con il suo colore, sa di Autunno. 
E' una ricetta di una Sig.ra di Piacenza molto gentile, che ho preparato per il mio amico Lorenzo, fan sfegatato delle proteine. 
Cimentatevi, perché oltre ad essere buonissimo, è facilissimo, basta avere un po' di pazienza...
E

Ingredienti:
- un cucchiaio (raso) di zucchero e un cucchiaio di Marsala per ogni tuorlo;
- lamponi.

Eliminare gli albumi. In un tegamino alto sbattere i tuorli con lo zuccheroper circa 5 minuti, con la frusta o un cucchiaio di legno e, poi, unire il Marsala.
Cuocere a fuoco bassissimo senza mai smettere di mescolare (per una decina di minuti), finché lo zabaione non si sarà addensato (occhio ai grumi!).
Versare in delle coppette e servire tiepido accompagnandolo con dei lamponi.





venerdì 19 settembre 2014

Prime cene, primi piatti, altri furti...

Mini Parmigiana

Dopo essere stata scippata della borsa dal cestino della bici settimana scorsa sto aspettato che i documenti tornino per la benevolenza di chi li dovesse trovare, ma temo che il ladro se ne sarà disfato nella spazzatura anche se non per fini ecologici...
  Nonostante la microcriminalità sembri essersi trovata la compagna ideale (solo quest'anno mi hanno rubato la bici, spaccato il finestrino della macchina e scippato dalla bici (nuova) in corsa), questa settimana è stata all'insegna delle cene con le amiche (i vicini già mi odiano...) e del "battesimo" del forno (bonificato dopo che lo avevo acceso con dentro una pirofila ancora nella plastica...), quindi, tutto sommato, mi sono divertita, anche se non vedo l'ora che arrivi sabato per dormire!
E


Ingredienti (per 4 porzioni):
- 1 o 2 melanzane lunghe;
- sugo di pomodoro;
- una mozzarella da 150 g;
- basilico;
- sale q.b.;
- olio evo;
- olio per friggere.

Tagliate la melanzane a fette (alte circa 5 mm), salatele e lasciatele spurgare per mezz'ora.
Restringete il sugo di pomodoro riscaldandolo velocemente con un goccio d'olio extra vergine d'oliva e un pizzico di sale.
Sciacquate le melanzane, asciugatele, friggetele nell'olio di semi ben caldo e poi asciugatele su carta assorbente.
Riempite i "ramequin " nel seguente ordine: una fetta di melanzana, un cucchiaino di sugo, una fettina di mozzarella, una foglia di basilico, un pizzico di sale, una melanzana... e così via fino ad ottenere gli strati desiderati
Cuocete le mini parmigiane nel forno a 200 °C per circa un quarto d'ora. 
Rovesciate i "ramequin" su un piatto e servite le mini parmigiane ancora molto calde.




lunedì 15 settembre 2014

Crema di patate con gocce di gorgonzola di bufala e funghi porcini

Tempo bellissimo a Milano questo weekend, anche se ieri non sono uscita di casa prima delle sei di sera: troppe cose da cucinare (ieri sono stata al mercato) e troppi calzini da lavare...
Vi lascio questa ricetta preparata con le patate delle Marche, il formaggio del Trentino e i porcini che quest'anno paiono crescere davvero "come funghi"!
Buona settima
E

Ingredienti:
- due patate;
- una cipolla piccola;
- latte;
- una fetta di gorgonzola di bufala;
- tre rametti di timo;
- pepe nero in grani ;
- un porcino;
- olio evo;

Sbucciate le patate e tagliatele a dadini; disponetele in una pentola dove avrete fatto rosolare una piccola cipolla tagliata a fettine con un goccio d'olio; aggiungete 8 grani di pepe nero, salate e coprite con del latte caldo fino a sopra il livello delle patate; cuocete a fiamma bassa con il coperchio, mescolando di tanto in tanto, per circa una ventina di minuti.
Assaggiate, aggiustate di sale e frullate (o usate il passa verdure).
  In una padella scaldate un filo d'olio con uno spicchio d'aglio sbucciato e un rametto di timo, aggiungete il porcino (lavato e tagliato per il lungo) e saltatelo per qualche minuto a fiamma viva, aggiungendo un pizzico di sale.
  Versate la crema di patate, guarnite con dei pezzettini di gorgonzola, delle foglioline di timo e, nel centro, i funghi. Finite con un filo d'olio a crudo.




lunedì 8 settembre 2014

Peperoni arrostiti sott'olio

Così è come ho imparato a farli dalla nonna...
Tenete conto che la tecnica non è molto ortodossa -come la nonna del resto- e che i fornelli dopo possono essere un vero disastro, ma per me non ci sono peperoni più buoni!
Buon inizio settimana!
E

Ingredienti:
- peperoni;
- olio evo;
- (uno spicchio d'aglio);
- un ciuffetto di prezzemolo;
- sale q.b. 

Sciacquate e asciugate i peperoni; poneteli interi direttamente sulla fiamma (potete coprire i fornelli con un foglio di alluminio, v. foto) e arrostiteli con l'aiuto di una forchetta finché tutta la buccia non diventa nera.
A questo punto per spellarli chiudeteli in un sacchettino di plastica per qualche minuto e poi raschiate delicatamente via il nero con un coltellino; eliminate i semi, il gambo e tagliateli a striscioline. Disponete le striscioline su un piattino, conditele con un pizzico di sale, uno spicchio d'aglio tagliato a fettine - se piace -, il prezzemolo tritato e ricoprite con l'olio extra vergine d'oliva. Lasciate riposare un paio d'ore perché si insaporiscano.




giovedì 4 settembre 2014

Farfalle ai pisellini, "datterini" e menta con graniglia di anacardi


Questo è (quasi) il primo piatto preparato nella casa dove mi sono appena (quasi) trasferita…
Potete scegliere anche un altro formato di pasta corta e usare quella integrale che si sposa particolarmente bene!

Ingredienti (per due persone):
- 160 g di farfallle;
- 150 g pisellini freschi o surgelati;
- 10 foglioline di menta;
- 20 pomodori “datterini” abbastanza maturi;
- olio evo;
- pepe nero;
- sale q.b.


Cuocere i pisellini nell'acqua bollente per un paio di minuti, tagliare a dadini i pomodori, lavare le foglie di menta e poi tritarle. Unire tutti gli ingredienti condendo con un pizzico di sale, olio e una macinata di pepe nero.
Una volta scolata la pasta, mescolarla insieme, finendo con una spolverata di anacardi spezzettati e un filo d'olio.




lunedì 1 settembre 2014

Passata di pomodori


Se avete mai avuto a che fare con un orto, avrete certamente presente il momento in cui ad agosto le piante di pomodoro sono cariche di frutti ormai rossi. 
Quello è il momento per raccoglierli in dei cestini della frutta (io uso le bacinelle per il bucato...), armarsi di pentoloni, il "passa pomodori", barattoli e coperchi e di un buon pomeriggio! 


Ingredienti (dosi ad occhio, in relazione a che pomodori usate, i perini, ad esempio, "fanno" meno acqua...):
- pomodori maturi;
- cipolla bionda;
- basilico;
- olio evo;
- sale.

Prima di tutto lavate e asciugate i pomodori; rimuovete la parte centrale del picciolo e tagliateli grossolanamente. Mettete la pentola sul fuoco con la cipolla tritata, un goccio d'olio e i pomodori. Salate e aggiungete il basilico. Lasciate cuocere per circa 20/30 minuti (dipende da quanta acqua contengono i pomodori). In una seconda pentola su cui appoggerete il "passa pomodori" versate lentamente il contenuto della prima (se occorre eliminate un po' di liquido), mentre girate la manovella. Rimettete la passata sul fuoco e continuate la cottura per un altro quarto d'ora.
  Fate bollire i barattoli e i coperchi nell'acqua in modo da sterilizzarli e, con l'aiuto di una pinza, disponeteli , rovesciati, su uno strofinaccio pulito.
  Versate la passata nei barattoli, chiudeteli bene e, capovolti, disponeteli in una pentola coprendoli con l'acqua. Portate a bollore, toglieteli dall'acqua e lasciateli raffreddare capovolti per un paio d'ore: quando li girerete il tappo sarà schiacciato e la passata sottovuoto.